Perde il controllo sulla neve. Grave un giovane varesino

Perde il controllo sulla neve. Grave un giovane varesino

Il diciottenne snowboarder è in prognosi riservata. Si trovava in Valle d’Aosta

Secondo incidente sulla neve in soli due giorni: diciottenne varesino in prognosi riservata dopo una brutta caduta mentre stava solcando le piste del comprensorio sciistico di La Thuile, in Valle d’Aosta.

È accaduto sabato pomeriggio. Il giovane è stato immediatamente soccorso e trasportato in ospedale ad Aosta. Nella caduta ha riportato lesioni importanti: le sue condizioni sono apparse subito gravi ai soccorritori. Il diciottenne, che si trovava in Valle d’Aosta per godersi il lungo ponte dell’Immacolata sulla neve, è stato ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale aostano.

Ieri la situazione clinica del giovane era stabile e in leggero miglioramento. I medici hanno mantenuto la prognosi riservata almeno sino alla tarda serata di domenica ma il diciottenne è stato per fortuna dichiarato non in pericolo di vita. I dettagli della caduta non sono stati resi noti; il giovane potrebbe aver perso il controllo dello snowboard ferendosi in modo serio.

Il primo vero weekend sulla neve, il ponte dell’Immacolata che di fatto apre la stagione in bianco per tutti gli italiani appassionati di discesa o fondo, si era aperto nel peggiore dei modi per la provincia di Varese. Un bimbo residente a Busto Arsizio, di soli sei anni, è caduto da una seggiovia a Torgnon, sempre in Valle D’Aosta. Il bimbo a quanto pare sarebbe scivolato da sotto la barra che chiude il seggiolino dell’impianto di risalita.

Per un vero e proprio miracolo il piccolo si è ferito in modo serio ma dopo un’iniziale prognosi riservata da parte dei medici è stato giudicato fuori pericolo di vita. Il bimbo nella caduta da un’altezza di quattro metri si è procurato diverse fratture tra questa una frattura al bacino. La caduta, nella disgrazia, è fortunatamente avvenuta quando ormai la corsa in seggiovia era quasi giunta al termine. Nel tragitto si raggiungono infatti altezze ben più importanti di quattro metri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA